icona facebook spedirete  icona google+  icona twitter  icona youtube  icona linkedin

banner concettuale spedizioni merci


Domenica, 22 Maggio 2016 11:18

Digitalizzazione della logistica e dei trasporti: l'indagine del Politecnico di Milano

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Una nuova “fotografia” del mondo del settore logistico e dei trasporti è stata scattata dalla Collaborative Community sulla Digitalizzazione nei Trasporti del Politecnico di Milano che ha redatto una interessante indagine per valutare lo stato in cui si trovano i citati settori e le prospettive di digitalizzare tutti i processi di consegna merci e di trasporto.

La digitalizzazione dei documenti nel settore della logistica e dei trasporti

Ricordiamo il Legislatore italiano ha introdotto la digitalizzazione per la conservazione dei documenti che può apportare enormi vantaggi e benefici sia in termini di taglio dei costi (per l’acquisto della carta stampata, ad esempio, oppure per la tenuta di archivi contabili) sia in termini di efficienza del lavoro che si traduce in tempi minori per accedere alle informazioni in tempo reale. Tutto ciò, ovviamente, si traduce in un miglioramento dell’intero servizio.

La “fotografia” scattata dal Politecnico di Milano sulle aziende

Daniele Marazzi, Senior Advisor della Community che ha condotto l’interessante indagine, ha tirato le somme e specificato le cifre emerse nel corso dello studio: “Un’azienda su 5 opera su scala globale e il 50% su tutto il territorio italiano, quasi il 70% ha più di 250 dipendenti, e inoltre circa la metà riceve meno di 50mila DdT (documenti di trasporto) l’anno, e ne emette meno di 100mila”.
Cifre non molto incoraggianti sono emerse per quanto riguarda la digitalizzazione dei Ddt emessi: le aziende, infatti, conservano in maniera digitale tali documenti soltanto nel 25% dei casi, nel 13% dei casi per la loro gestione interna e nel 9% dei casi per lo scambio. Cifre ancora meno incoraggianti sono emerse per quanto riguarda i DdT ricevuti: le percentuali appena citate, infatti, scendono rispettivamente all’11%, al 3% e al 4%.
E la motivazione la fornisce lo stesso Marazzi: La conservazione risulta più semplice dello scambio e della gestione dei DdT perché non coinvolge diversi. Poi una volta che i DdT sono ricevuti in formato carta, si conservano in quel formato”.
Tirando le somme: nell’ambito della conservazione digitale dei Ddt emessi, lo studio ha rivelato che il 38% usa solo la carta mentre due terzi delle aziende hanno introdotto il digitale limitatamente ad alcune “porzioni” di attività mentre un’azienda su 4 ha completamente digitalizzato e dematerializzato il processo di gestione dei documenti.
In ogni caso, per quanto riguarda i Ddt ricevuti, la carta continua a farla da padrona.

Gli autotrasportatori e la digitalizzazione documentale nell’indagine svolta dal Politecnico

L’indagine è stata realizzata anche raccogliendo i dati relativi alle esperienze degli autotrasportatori. Ebbene, soltanto il 7% degli autotrasportatori utilizza solo ed esclusivamente il cartaceo per la ricezione dell’incarico. Solo il 65% invece, utilizza il digitale.
Nell’ambito dell’attività di notifica di consegna, invece, il 18% usa solo il digitale mentre il 5% non lo usa affatto, Anche in questo caso, la carta la fa da padrona nella gestione dei DdT dove viene utilizzata dal 64% degli autotrasportatori. Stesso risultato nella gestione degli archivi dove la carta viene utilizzata addirittura dal 72% degli autotrasportatori. Soltanto l’8%, invece, ha completamente digitalizzato il processo di emissione e conservazione dei documenti.

 

Letto 592 volte Ultima modifica il Venerdì, 16 Giugno 2017 15:53
Devi effettuare il login per inviare commenti

 

 

 

 bottone richiedi preventivo

 Diventa Partner

 

 

 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie del network delle spedizioni.